Vai al contenuto

Arrossamento dopo il trapianto di capelli

Il rossore da trapianto di capelli è una delle domande più frequenti poste dai pazienti dopo il trapianto.

Ilrossore da trapianto di capelli si verifica dopo l’intervento a causa dei follicoli piliferi appena impiantati e del processo di guarigione. È bene sapere che alcuni pazienti con pelle di colore più chiaro sono più a rischio.

Tuttavia, questo fenomeno è riscontrabile in tutti ed è del tutto normale. Il rossore dopo il trapianto di capelli si mantiene tra una e tre settimane. Ma non c’è nulla di cui preoccuparsi.

Poiché vengono aperti numerosi piccoli fori all’interno dell’area donatrice per l’estrazione dei follicoli piliferi. Inoltre, le radici dei capelli vengono inserite all’interno dei nuovi canali creati nell’area della calvizie. Possono essere presenti squame e croste. Con i lavaggi, giorno dopo giorno, tutte le scaglie di pelle dovrebbero essere rimosse, inoltre il rossore diminuirà gradualmente con il tempo nell’area trapiantata. Vedrete che le croste diventeranno bianche e anche il gonfiore si attenuerà.

Il rossore scompare dopo il trapianto di capelli?

Come preparazione all’operazione di trapianto di capelli(trapianto di capelli FUE), il medico disegna innanzitutto l’attaccatura dei capelli e le parti principali in cui impiantare gli innesti.

In seguito il personale raserà la testa del paziente e lo porterà in sala operatoria. Il secondo passo è l’anestesia locale. Il tempo stimato per la chirurgia dei capelli può durare in media dalle 5 alle 8 ore.

Il paziente potrà fare brevi pause per il pranzo; potrà guardare la TV o ascoltare musica durante l’intervento.

L’intervento di trapianto di capelli Fue consiste in quattro (4) fasi:

  • Estrazione degli innesti dall’area donatrice: Estraiamo gli innesti utilizzando un sistema a micromotore. La dimensione del punzone dei micro motori viene regolata in base allo spessore dei capelli.
  • Conteggio del numero di innesti di capelli; gli innesti estratti: li separeremo e li conteremo come tripli, doppi e singoli. A questo punto, il paziente può fare una breve pausa per il pranzo e per eventuali esigenze personali.
  • Incisione a microfessura: Il medico inizierà ad aprire i canali in base allo spessore e alla lunghezza delle radici dei capelli. Nell’area in cui verranno impiantati gli innesti estratti.

Gli elementi più importanti sono l’angolo, la frequenza e la profondità dei canali aperti in questa fase. È inoltre molto importante proteggere le radici dei capelli nella zona di impianto.

Lo spazio che forniamo all’attaccatura dei capelli deve essere di 45-50 gradi. I canali che apriremo in questa regione sono eccezionalmente essenziali. Per ottenere un aspetto naturale dopo il trapianto di capelli.

L’importanza della vitamina d3 nel trapianto di capelli

La vitamina D3 è un nutriente essenziale che svolge un ruolo in molte funzioni dell’organismo. Una carenza di colecarciferolo (vitamina D) può causare diversi problemi, tra cui la perdita di capelli.

  • Vi informeremo sulla relazione tra il trapianto di capelli e la vitamina D3.
  • In generale, dobbiamo sapere come viene creata la vitamina D3. Quando il corpo umano è esposto alla luce solare, sintetizza la vitamina D3.
  • La carenza di vitamina D3 può portare a molti problemi di salute, perché la vitamina D3 viene trasportata prima al fegato e poi ai reni.
  • L’organismo produce il 90% della vitamina D sintetizzando l’energia solare.
  • Secondo gli esperti, per ottenere la quantità necessaria di vitamina D3 basterebbe esporre la pelle alla luce diretta del sole per almeno 30 minuti al giorno. Almeno alla luce diretta del sole su braccia, gambe e viso.
  • La crescita dei capelli diventa più attiva con i supplementi di vitamina D3, soprattutto dopo il trapianto di capelli, poiché è più necessaria.

Ha un effetto regolatore sul fattore di crescita beta-trasformante e sul fosfato alcalino. Pertanto, l’assottigliamento dei capelli diminuirebbe.

Una ricerca condotta sui ratti ha dimostrato che i peli di bovino, impiantati nella pelle dei ratti, erano più densi e spessi con l’integrazione di vitamina D3 piuttosto che con il placebo.

Cosa succede se la perdita di capelli non si arresta?

Se la perdita di capelli continua dopo 6 mesi, a questo punto è possibile consultare i nostri servizi. Il trapianto di capelli può essere l’unica soluzione per questo problema.

Aspetto naturale nel trapianto di capelli

In questa fase, il medico deve conoscere tutti i dettagli del paziente. Ad esempio:

Vecchie fotografie, vecchie acconciature e la direzione in cui i capelli sono pettinati sono tutti elementi importanti per il medico in questa fase. Un aspetto naturale farà sembrare il risultato più favorevole.

Uno dei problemi principali di tutti gli uomini e le ragazze che prendono in considerazione l’intervento di trapianto di capelli è se i risultati appaiono naturali o meno.

È una preoccupazione legittima. Soprattutto perché le procedure chirurgiche diffuse negli anni passati, come le “spine di capelli”, non fornivano ai pazienti risultati soddisfacenti né dall’aspetto naturale.

La buona notizia è che le nuove tecniche sviluppate negli ultimi anni hanno fatto passi avanti nel campo del restauro dei capelli, portandolo a un nuovo livello.

Con l’abilità e l’esperienza di un chirurgo del trapianto di capelli, combinata con alcune delle più recenti tecnologie. I risultati dell’intervento di restauro dei capelli sono così naturali che può sembrare di non averli mai persi.

Le vecchie tecniche di trapianto di capelli rimuovevano in genere enormi strisce di pelle dall’area del donatore. Queste strisce di capelli vengono prelevate dalla nuca o dai lati della testa e trapiantate nelle aree affette da calvizie.
Perché queste strisce avevano un’elevata quantità di singoli peli agganciati. Tuttavia, offre ancora una cattiva qualità per quanto riguarda i risultati e l’aspetto dei capelli.

Dopo l’intervento di trapianto di capelli, è possibile perdere i capelli con la punta bianca?

La risposta è: sì, è possibile!

I capelli bianchi richiedono maggiore attenzione rispetto ai capelli scuri. Poiché lo standard più diffuso nel trapianto di capelli è l’aspetto simmetrico e normale. A volte, a causa dell’invecchiamento e di altri problemi ereditari, le radici dei capelli possono sviluppare un colore bianco.

Normalmente, i capelli di diversi colori possono svilupparsi completamente in regioni diverse del cuoio capelluto. Quindi, in questa condizione, possono verificarsi risultati indesiderati. Nonostante ciò, questo problema può essere superato grazie agli articoli per la colorazione dei capelli. È ancora possibile realizzare il trapianto di capelli con il metodo FUE.

Il medico è in grado di effettuare il trapianto di capelli bianchi?

È necessario eseguire con molta attenzione i piani pre-operatori per il trapianto di capelli bianchi. Possiamo trovare e notare i follicoli piliferi bianchi nella zona posteriore e anche ai lati sopra le orecchie. Nel trapianto di capelli bianchi separiamo i follicoli estratti in base al numero di capelli bianchi e ai gradi di colore, al fine di fornire un aspetto naturale ideale.

La separazione dei capelli accompagnata dalla distribuzione di noi determina i follicoli piliferi durante il trapianto. Eseguiamo il trapianto di capelli in base alla struttura naturale e al posizionamento del colore dei capelli nel cuoio capelluto. Se i follicoli di capelli bianchi e colorati sono approssimativamente distanti, possiamo eseguire il processo di trapianto di capelli senza alcuna difficoltà.

Tuttavia, gli individui che hanno i capelli scuri nella parte superiore, sono assemblati alle radici dei capelli scuri. Quindi iniziare con i follicoli piliferi laterali può essere la scelta migliore.

È bene sapere che il tempo medio di un’operazione di trapianto di capelli con colori diversi varia dalle 4 alle 8 ore. questo intervento dura più a lungo del normale intervento di trapianto di capelli.

Le radici dei capelli resistenti vengono utilizzate per il trapianto di capelli

Ciò significa che l’ormone maschile non influisce sulle radici dei capelli nella zona della nuca. Per questo motivo utilizziamo le radici resistenti dei capelli in quest’area per un trapianto di capelli. Il requisito più necessario in questo intervento è la competenza e l’esperienza del medico. Sia nella scelta dell’area donatrice corretta, sia nell’evitare rischi o danni alle radici dei capelli.

Uno dei fattori più importanti nel trapianto di capelli è la gestione delle radici dei capelli prelevate dall’area donatrice alle nuove aree di trapianto. Questo è l’elemento chiave dell’intervento che ha un effetto diretto sulle percentuali di successo della chirurgia.

La competenza e l’esperienza del medico sono molto importanti in questa fase.